Pedro Sánchez potrebbe essere il primo Presidente democratico a muoversi per riconoscere la sovranità saharawi ma ancora siamo ad un nulla di fatto

Publicat originalment a Atlante delle guerre e dei conflitti del mondo

Tre mesi dopo il ritorno alle armi del popolo saharawi, l’esecutivo socialdemocratico di Pedro Sánchez non si è mosso. Sebbene l’ex-presidente degli Stati Uniti Donald Trump abbia riconosciuto pubblicamente la sovranità marocchina del Sahara Occidentale lo scorso gennaio, la Spagna non si è pronunciata fino a poco tempo fa.

Dopo più di 43 anni di politica d’inerzia sulla situazione nell’ex colonia dell’Africa Occidentale, il governo spagnolo non solo non ha compiuto progressi sull’imminente decolonizzazione del territorio, ma non ha neanche menzionato il conflitto nei suoi ultimi discorsi alle Nazioni Unite -cosa che ha fatto prima del 2018-. Questo sostegno teorico, che era stato più o meno presente nei precedenti governi democratici, è stato influenzato nell’ultimo anno 2020, culminando nella rottura del cessate il fuoco.

La pressione del Marocco, che aspira all’appoggio della diplomazia spagnola per mostrare il sostegno pubblico all’identità marocchina del Sahara, sta ostacolando le azioni del governo socialdemocratico (Psoe) di Pedro Sánchez, che, per ora, è riluttante a cambiare la posizione della Spagna, in linea con il diritto internazionale. Inoltre, la presenza di Podemos (il partito eco-socialista) nell’Esecutivo, strettamente legata alla causa saharawi, rende difficile ogni cambio di discorso. Ecco perché, nel mezzo di pressioni incrociate, il Psoe non sta prendendo una direzione chiara.

L’unico discorso pubblico del governo spagnolo riguardo al Sahara Occidentale dopo il ritorno alle armi è stato il 21 gennaio, in un incontro tenuto con gli ambasciatori spagnoli nel mondo. Il presidente Sánchez ha chiesto la ripresa dei negoziati tra il Marocco e il Fronte Polisario per raggiungere una “soluzione giusta e duratura” alla controversia del Sahara occidentale. Sánchez ha anche affermato di sperare che i negoziati raggiungano la stabilità nella regione del Magreb.

Inoltre, in coincidenza con l’anniversario della Repubblica Araba Democratica Saharawi (Rasd), diverse personalità internazionali, come leader politici ed eletti di vari paesi, hanno indirizzato una lettera all’attuale presidente degli Stati Uniti Joe Biden in modo che riconosca anche la sovranità del Marocco. Questo invito ha riunito rapidamente 250 firmatari di 25 paesi del mondo, tra cui Italia, Argentina, Armenia, Belgio, Canada, Cile, Danimarca, Repubblica Ceca, Finlandia, Francia, Grecia, Ungheria, Irlanda e Spagna.

Una posizione poco chiara sulla cessione del Sahara occidentale

Sebbene negli ultimi 45 anni il governo spagnolo -sotto partiti di tutti i colori- abbia sostenuto il referendum sull’autodeterminazione, non è stata intrapresa alcuna azione politica o diplomatica. Tutti i presidenti che hanno seguito il passaggio dell’amministrazione del Sahara occidentale al Marocco negli Accordi di Madrid del 1975, sapevano che ciò contraddiceva le norme del diritto internazionale. Ma invece di rimediare, la Spagna negli ultimi decenni è rimasta in una situazione di “neutralità”, sperando di migliorare le relazioni con il Marocco. Tuttavia, l’ideologia espansionistica del Grande Marocco ha solo preso slancio.

Sin dai tempi in cui José Luis Rodríguez Zapatero (Psoe) era presidente, tra il 2004 e il 2011, i successivi dirigenti spagnoli hanno appoggiato a porte chiuse la proposta marocchina di autonomia nonostante la sua scarsa credibilità. L’offerta di Rabat, formulata nel 2007, prevede di offrire una certa autonomia ai territori occupati del Sahara occidentale. Autonomia che non è garantita da nessun trattato.

Diritto internazionale e pressioni della monarchia marocchina

Nel 1991, Rabat e il Polisario hanno raggiunto un accordo di cessate il fuoco in cambio di un referendum sull’autodeterminazione che non è mai arrivato. Secondo questo trattato di pace e secondo il diritto internazionale, il Sahara occidentale è ancora sotto la tutela spagnola, e è l’ultima colonia del continente africano.

E sebbene durante i citati accordi di Madrid, la Spagna rassegnò le sue responsabilità legali di potere amministrativo, ciò non è diventato effettivo. Teoricamente, questo passaggio non significa la fine delle responsabilità descritte nell’articolo 73 del capitolo XI della Carta delle Nazioni Unite, poiché queste non hanno valore giuridico fino a quando le persone protette non raggiungono la loro autodeterminazione.

La pressione geopolitica che le grandi potenze internazionali stanno esercitando sulla Spagna sta stringendo la corda su un’area già in guerra. Le dichiarazioni di Trump hanno dato più potere politico e visibilità al Marocco, che finora era appoggiato pubblicamente solo dalla Francia. I negoziati tra Rabat, Washington e Tel Aviv per gli Stati Uniti riconoscere Mohammed VII come sovrano sul territorio (in scambio di stabilire relazioni con Israele) sono iniziati alla fine della scorsa estate. È stato anche allora che l’emigrazione verso le Isole Canarie è aumentata notevolmente -23.000 durante il 2020- partendo dalle coste del Sahara occidentale. Fino a dicembre il Marocco non ha accettato i rimpatri delle persone in arrivo sulle isole.

Queste azioni, insieme all’aumento della repressione degli attivisti saharawi nei territori occupati, dovrebbero porre fine a un conflitto che è stato trincerato per molti anni a favore della monarchia marocchina. Tuttavia, spetta al governo Sánchez stabilire una nuova direzione in termini di geopolitica, e infine pronunciarsi a favore del referendum. Questo passo, sebbene possibile solo da Madrid, cambierebbe la realtà dell’intera popolazione della regione, l’unica nazione araba di lingua spagnola.

Deixa un comentari

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

Esteu comentant fent servir el compte WordPress.com. Log Out /  Canvia )

Google photo

Esteu comentant fent servir el compte Google. Log Out /  Canvia )

Twitter picture

Esteu comentant fent servir el compte Twitter. Log Out /  Canvia )

Facebook photo

Esteu comentant fent servir el compte Facebook. Log Out /  Canvia )

S'està connectant a %s